Danubio Vegan albero di Natale con creme pasticcera e al cioccolato

Pasticcera per caso, Tatiana Valtorta è vegana da più di otto anni ed è attivista per i diritti degli animali. Si è appassionata con straordinari risultati alla preparazione di dolci vegani. L’entusiasmo della sfida creativa e i risultati eccellenti le hanno anche fatto maturare la decisione di iscriversi ad un corso professionale con l’intento di convertire sempre più persone ad una scelta di vita senza crudeltà. Scegliere un’alimentazione vegetale è un passo meno impegnativo di quanto si possa pensare se alla base c’è una forte motivazione etica; e possiamo scegliere tra tante preparazioni squisite e golose che ci conquistano.

INGREDIENTI PER L’IMPASTO:

  • 550 g farina manitoba
  • 270 ml latte di soia (o altro latte vegetale)
  • 50 g di olio di semi di girasole
  • 35 g zucchero di canna
  • 40 g di amido di mais 
  • 5 g lievito di birra fresco (o 2 grammi di lievito secco)
  • mezzo bicchiere di acqua
  • mezza fialetta di aroma all’arancia
  • mezzo cucchiaino di sale
  • per spennellare:2 cucchiai latte vegetale
  • per decorare:zucchero a velo

INGREDIENTI PER LA CREMA AL CIOCCOLATO:

  • 500 ml latte di soia 
  • 60g zucchero di canna
  • 60 g amido di mais
  • 100 g cioccolato fondente
  • mezza fialetta di aroma all’arancia

INGREDIENTI PER LA CREMA PASTICCERA: 

  • 400 gr di latte soia 
  • 30 gr di amido di mais
  • 80 gr di zucchero di canna
  • 1 baccello di vaniglia
  • la scorza di un limone biologico
  • 4 gr di curcuma in polvere
  • un pizzico di sale

PROCEDIMENTO PER L’IMPASTO:

Scaldate leggermente il latte di soia e scioglietevi dentro il lievito di birra (Il latte deve essere tiepido non bollente!)

Mettete nella ciotola dell’impastatrice la farina, lo zucchero (precedentemente messo in un mixer per togliere eventuali grumi), l’amido di mais, il pizzico di sale e azionate l’impastatrice e unite il latte a filo dove avete sciolto il lievito , l’olio, l’acqua, l’aroma  e continuate ad impastare per circa 10 minuti fino a che vedrete che l’impasto si sarà staccato dalle pareti. Poi continuate a impastare con le mani per altri 10 minuti (se non avete l’impastatrice fate tutto a mano).

Mettete a riposare l’impasto in una ciotola capiente coperto da un canovaccio per circa due ore, in un luogo più caldo rispetto all’ambiente (ad esempio vicino a un termosifone).Trascorso il tempo di lievitazione riprendete l’impasto, sgonfiatelo con le mani e staccate tante palline di 75 gr l’una (11-12 palline).

Se volete farcire il Danubio albero di Natale potete mettere all’interno di ogni pallina un cucchiaio di crema pasticcera o crema al cioccolato (vedi sotto procedimento per le creme).Per la farcitura delle palline stendete l’impasto di ogni pallina aiutandovi con un mattarello, riempite con la crema e richiudete a libro cercando di ricreare la pallina.(Io ho farcito 5 palline con crema al cioccolato e 6 palline con crema pasticcera e le ho disposte in modo alternato).

Mettete tutte le palline su un tegame con carta forno in modo da formare un albero di Natale e lasciate lievitare nuovamente per un’ora coprendo con un canovaccio nel forno spento.Quando il Danubio albero di Natale sarà lievitato spennellate con due cucchiai di latte vegetale e cuocetelo in forno preriscaldato ventilato a 160°per circa 25/30 minuti (fino a quando le palline avranno preso una colorazione leggermente biscottata).

Sfornate il Danubio albero di Natale e fatelo raffreddare completamente poi spolverizzate con abbondante zucchero a velo e decorate a piacere (nella preparazione delle foto sono state usate ciliegie candite)

PROCEDIMENTO PER LA CREMA AL CIOCCOLATO:

Con un coltello ben affilato tagliate a piccoli pezzi la cioccolata fondente. In un pentolino mettete l’amido di mais, lo zucchero, mescolate con cura ed unite gradatamente il latte a cui avrete aggiunto l’aroma sempre mescolando in modo che non formi grumi (utilizzate una frusta).Mettete poi sul fuoco e fate scaldare leggermente e aggiungete il cioccolato fondente facendolo sciogliere. Continuate a mescolare finché non addensa  e fate cuocere un paio di minuti sempre mescolando. Una volta addensata , togliete la  crema dal fuoco e versatela  in un contenitore e copritelo con pellicola trasparente in modo che non faccia la crosticina dura che poi non renderà omogenea la crema. Fate raffreddare a temperatura ambiente (conservare in frigorifero).

PROCEDIMENTO PER LA CREMA PASTICCERA:

In un pentolino mettete l’amido di mais, lo zucchero, mescolate  con una frusta. Mettete il pentolino sul fuoco ed unite gradatamente il latte evitando la formazione di grumi. Quando il composto sarà fluido aggiungete il sale, la scorza di limone, la vaniglia e la curcuma mescolando velocemente. Quando il composto bollirà e lo vedrete denso mescolate ancora per un minuto e togliete dal fuoco. Coprite con pellicola trasparente e lasciate raffreddare a temperatura ambiente. Successivamente conservate in frigorifero.

NB. La quantità delle creme è volutamente maggiore rispetto a quella necessaria per la farcitura del Danubio albero di Natale perché potete anche scegliere di non farcirlo prima della cottura e servirlo accompagnato dalle creme oppure decidere di farcirlo successivamente. 

Buon Natale Vegan a tutti!

LEAL SCEGLIE E PROMUOVE LA SCELTA VEGAN

LEAL_5x1000_animata_det

 → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”
MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: