Donazioni

Adozioni

Associati

Recente la notizia della prossima apertura di un Cinodromo a Maserada del Piave, Treviso, dove il primo cittadino Lamberto Marini ha approvato il progetto di Enci Ente Nazionale Cinofilia Italiana offrendo una concessione di 15 anni al progetto. Enci, tramite una sua controllata, finanzia con 160.000 euro la costruzione di una pista ad anello destinata a quella che definisce corsa “amatoriale” dei levrieri.

I cani saranno impegnati in vere e proprie competizioni tanto che è previsto tutto il necessario per le corse, compreso un box con fotofinish per il cronometraggio.

Tutti i levrieri sono famosi per la loro velocità ma sono i greyhound quelli utilizzati per le gare; l’Irlanda si distingue per l’industria del greyhound racing commerciale e amatoriale ed è dall’Irlanda che tanti europei importano i cani da corsa, ignorando che in questo modo si alimenta un mercato che legittima i peggiori maltrattamenti legati alla “produzione” e selezione, più che riproduzione, di futuri vincitori di gare.

Gian Marco Prampolini Presidente di LEAL commenta: “Non avremmo mai pensato di ritrovarci dopo tanti anni a riaffrontare la questione. Come associazione condanniamo qualsiasi forma di competizione tra animali e non possiamo che considerare le gare una forma di maltrattamento. Per correre ed essere felici i levrieri non hanno bisogno di gareggiare su una pista. Gli interessi e i divertimenti degli umani raramente collimano con quelli degli animali senza contare il rischio di scommesse clandestine e doping. Ci auguriamo di riuscire a bloccare la realizzazione del cinodromo perché alla fine, come sempre succede, anche se sono campioni, a perdere sono sempre gli animali!”.

LEAL invita a firmare la petizione

https://www.change.org/p/ritirare-la-concessione-per-la-costruzione-di-una-pista-per-levrieri-a-maserada-sul-piave/u/30494745

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: