Donazioni

Adozioni

Associati

Il riconoscimento dei diritti di ogni essere vivente parte dal diritto alla vita. Nel pieno rispetto di questa verità LEAL diffonde la scelta vegana come l’unica davvero sostenibile. Questa filosofia coerente e rigorosa è imprescindibile da uno stile di vita senza crudeltà nei confronti di animali e ambiente.

La raccomandazione di una conversazione al vegan in ogni momento in occasione delle festività, si contrappone con forza rispetto alle scelte alimentari e agli incitamenti di consumo da parte dei portatori di interesse che nascondono la brutalità, la sofferenza, l’agonia e la morte al fine di un ideale e sempre crescente aumento dei guadagni.
Ed ecco che Confagricultura e Coldiretti scendono in campo a gamba tesa e fazzoletto in mano ripetendo il mantra del mantenimento delle tradizioni e chiedendo di sostenere lo sporco mercato di animali allevati e uccisi per le festività pasquali. In previsione della ricorrenza viene abitualmente programmato un aumento di nascite di agnelli e capretti del 90% e le associazioni di categoria stimano che in Italia si allevino 2,8 milioni di ovini e 150mila di caprini. Cifre forse anche sottostimate visto che nel comunicato diffuso da Agensir si parla di 60 mila pastori (ovvero ALLEVATORI) da salvare. (*)
Inoltre Confagricoltura afferma cinicamente che “le vendite sono ferme ma la produzione continua, così come i costi. Gli animali non si possono fermare, vanno nutriti e continuano a fare latte, e questo porta ad un esubero di prodotti”.
“Gli animali morti non sono prodotti – sottolinea Gian Marco Prampolini presidente LEAL –. Come sempre e non solo in occasione della Pasqua o delle festività comandate raccomandiamo di rinunciare al consumo di carne e prodotti di origine e animale e ci auguriamo che il drastico calo dei consumi derivato da una necessaria conversione verso uno stile di vita vegano convinca tanti allevatori a riconvertire la propria attività nella coltivazione di prodotti ortofrutticoli biologici, ecosostenibili e biodinamici verso i quali esiste una domanda sempre in crescita. Cambiare si può e si deve, facciamo in modo che questa terribile contingenza porti ad una maggiore propensione al rispetto e a modificare il proprio stile di vita”.
(*)
→ Agensir – Coldiretti


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: